ARTLORDS, Collettivo Afghano realizza un murale a Torino

175

Dal loro arrivo il 5 novembre, gli artisti afghani Lima Ahmad, Omaid Sharifi e Kabir Mokamel del movimento globale ArtLords hanno animato un programma di dialogo con il pubblico di Paratissima e di Torino.Nel Galoppatoio dell’ARTiglieria di Paratissima, divenuta una grande installazione ambientale grazie ai wallpaper che riproducono in formato 3×6 metri cinque loro murales cancellati dai talebani, sabato 6 novembre si è tenuta una performance da cui è nata un’opera collettiva che andrà a fare parte della galleria del progetto della Città di Torino Spazio Portici, mentre ieri sono stati protagonisti di un talk che ha visto un racconto della loro esperienza e della loro storia, un convegno dell’Ordine e della Fondazione degli Architetti dedicato al tema della rigenerazione urbana e sociale attraverso la street art e un focus di Torino Creativa.


Sulle pareti dell’ex Cartiera di via Fossano 8, che ospita il Centro del Protagonismo Giovanile Cartiera, inizia la realizzazione di un murale che rimarrà come opera permanente alla città, facendo diventare Torino una delle sedi del movimento ARTlords. Il disegno che si realizzerà raffigura una ragazza in marcia con una cartina dell’Afghanistan sotto braccio, come fossero libri di scuola, una cartella. È un omaggio al diritto delle donne alla scuola e all’accesso all’istruzione.


Così i tre artisti presentano il loro progetto:“E’ un tributo alle giovani ragazze in Afghanistan a cui i talebani hanno impedito di andare a scuola. È raffigurata irremovibile e determinata con in mano una mappa dell’Afghanistan, piena di arte, cultura e colori. Il detto è una canzone molto famosa, di un famoso cantante della diaspora afghana. Si traduce letteralmente come: “Oh, mio amato paese! Finalmente ti costruirò da solo”.
Il murale è realizzato grazie al dialogo e alla collaborazione con gli artisti dell’associazione di street art torinese Il Cerchio e le gocce e di MurArte.

Oggi dalle 14 alle 17 all’ex Cartiera di via Fossano si terrà un’azione pubblica a cui sono invitati tutti i cittadini torinesi: l’opera è un momento di partecipazione collettiva aperta, in cui tutti i partecipanti diventeranno gli autori del murale. La pratica degli ArtLords, infatti, vede il murales non sono come risultato finale, cioè un manifesto nello spazio urbano, ma come vero e proprio processo inclusivo e relazionale, processo di comunità rituale.Insieme ai tre artisti, è anche coinvolto nella realizzazione un gruppo di richiedenti asilo afghani, ospiti in queste settimane della Cascina Falchera.Al termine, sarà offerta una merenda ai partecipanti, per creare un momento ulteriore di condivisione e incontro.


Domani alle 19, infine, saranno ospiti da Fior Food Coop in Galleria San Federico 27 nell’ambito di un incontro sul tema: “STREET arts. La strada come luogo di incontro, confronto e azione sul tema arte, cibo, diritto, cittadinanza, educazione. Così come la street art usa lo spazio urbano, anche altre forme d’arte scelgono la strada come spazio di comunità e pratica partecipativa”.
Con il supporto dell’Assessorato alle Politiche Giovanili, Diritti e Creatività della Città di Torino e Torino Creativa.Con la collaborazione di Fondazione per l’architettura / Torino, MurArte Torino e l’associazione Il Cerchio e le Gocce.Un ringraziamento speciale a Elisa Sighicelli e Ruben Levi, Alessandro Bogetti.Sponsor tecnico: Nova Coop, Campus Sanpaolo e Caparol

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More