La vera storia di Coco Chanel: il genio assoluto della moda

69

Alla base della moda di tutto il mondo dagli anni novanta ad oggi è stata e continua ad essere lei, famosissima stilista e Donna con la d maiuscola, Coco Chanel, la più rivoluzionaria che ci sia mai stata.  Nata il 19 agosto del 1883, ha sempre vissuto in un orfanotrofio dove è stata abituata a vedere vestite le suore con abiti eleganti, bianchi e neri, che sono stati poi per lei fonte di ispirazione e l’hanno fatta diventare quella che noi oggi conosciamo come Chanel, l’emblema della moda, per lei caratterizzata da colori opposti e linee nette, che potessero evidenziare la figura. Diventata ormai grande, inizia a lavorare in un bar, dove incontra Étienne de Balsan, figlio di imprenditori tessili, che la invita a trasferirsi nel suo castello a Royallieu; lui sarà, oltre al suo fidanzato, il suo primo finanziatore.

La stilista si rivela molto abile nell’arte di creare cappelli, che fanno innamorare tutte le donne, fino ad arrivare a Parigi e a Deauville Coco è bravissima a creare cappelli e, ben presto, le donne del posto se ne innamorano. Le sue creazioni, la portano a Pariginel 1908 e, poi, a Deauville dove, nel 1914, apre i suoi primi negozi, fino all’apertura di un salone di alta moda a Biarritz. Chanel è stata particolarmente astuta e brava nel riuscire a togliere il concetto di moda che c’era allora e personalizzarlo con modelli sportivi caratterizzati da linee semplici e morbide a differenza di ciò che le donne indossavano allora, ovvero il corsetto.

(Photo by BOTTI/Gamma-Keystone via Getty Images)

Nel 1916 Rodier affida a lei iljersey, tessuto per eccellenza delle creazioni Chanel, che darà vita al trittico gonna, pullover e cardigan, realizzato soprattutto dai toni come il grigio, il beige e il blu scuro oltre a bianco e nero. Nel 1920, successivamente all’apertura della sua prima boutique, crea il suo famoso profumo, Chanel N.5, una delle migliori fragranze passate alla storia, ancora usata tantissimo. Riesce a creare il famoso tubino nero, osservando la moda delle commesse di Parigi, che prediligevano abiti neri con polsini bianchi.

Coco Chanel decide di creare una linea di accessori, con l’aiuto del conte Etienne de Beaumont e il duca Fulco di Verdura, e proprio in quegli anno (anni’30) nascerà la famosissima borsa Chanel 2.55, una delle borse più copiate al mondo. Dopo la seconda guerra mondiale, in cui Chanel si è dovuta ritirare dal mondo della moda, nel 54’ torna, ormai quando tutti i critici dell’epoca la davano per spacciata, facendo sfilare il tailleur in maglia, una delle sue ultime creazioni speciali, che solo lei poteva fare. Il 10 gennaio 1971 Coco Chanel si spegne all’età di 87 anni, lasciandosi alle spalle una vita piena di soddisfazioni per lei e per il mondo della moda, non più la stessa da quando lei ci mise piede. Dopo la sua scomparsa, la maison viene portata nel ’83 sotto la guida di Karl Lagerfeld che ha saputo rendere contemporanei i codici stilistici della casa di moda senza tradire, mai, la visione di Coco.

Lavinia Chianese (Liceo Classico D. Alighieri Latina Progetto Alternanza scuola lavoro)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More