TDV12 festival delle arti sceniche contemporanee

0

ROMA – Appuntamento conclusivo del Focus Young Mediterranean and Middle East Choreographers, il progetto atto a favorire la conoscenza e lo scambio di pratiche performative tra gli artisti stranieri e le realtà del territorio italiano legate al mondo della danza.

Il 26 e il 27 settembre Teatri di Vetro festival delle arti contemporanee 12^ edizione, in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Danza di Roma e l’Angelo Mai, ospita, per gli studenti dell’Accademia le masterclass di Mithkal Alzghair (Siria) e di Seifeddine Manai (Tunisia) e un incontro di approfondimento aperto al pubblico; programma degli stessi autori le creazioni:  Displacement_solo di Mithkal Alzghair (SIRIA) e Shine my blind Way di Seifeddine Manai (TUNISIA) con la partecipazione di Marion Castaillet Dhomps e la proiezione del film Les Amoureux Des Bancs Publics  con introduzione degli autori Gaia Vianello e Juan Martin Baigorria.

Il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018, seconda tappa del Focus Young Arab Choreographers Italy 2017, nasce per ampliare la propria dimensione geografica e la propria azione di mobilità artistica e dialogo interculturale includendo artisti provenienti da contesti complessi quali la Siria e l’Iran, oltre a Marocco, Tunisia, Libano, Egitto e Italia. Una dimensione di scambio culturale tesa a portare avanti ricerche sostenute da un repertorio diversificato che traccia e costruisce nuovi linguaggi.
Nato dalla condivisione di alcune tra le più significative strutture italiane che si occupano di danza contemporanea, in collaborazione con la BIPOD/Beirut international platform of dance e la Maqamat Dance Theatre di Beirut, il progetto ospita residenze, performance e workshop da maggio a settembre in ben tredici tra più importanti festival italiani.

Fabio Fanelli
WRITTEN BY

Fabio Fanelli

Una cosa che adoro del mio lavoro, è l'importanza che si deve dare al servizio offerto. Meno spazio alle classifiche di chi ha più follower, più mi piace, più visualizzazioni, l'informazione è una cosa seria. La capacità di dialogo, di interazione e di corretto utilizzo delle varie piattaforme sono il segnale che la rivoluzione del mestiere del giornalista è in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *